La salvaguardia dell’arte e la promozione del patrimonio artistico: il ruolo delle scansioni digitali

Il patrimonio artistico italiano rappresenta una risorsa nazionale di enorme importanza.

Dipinti, affreschi, chiese, monumenti, statue sono soltanto alcuni degli esempi dell’arte italiana che si trovano praticamente ovunque lungo lo Stivale.

Preservare i monumenti e i beni storici di pregio dalle incurie del tempo, dal rischio di eventi naturali dannosi e dall’azione degli elementi è un fine dettato non soltanto dall’amore per le proprie tradizioni ma anche dall’attenzione per un importante indotto economico generato dal turismo e dalla cultura.

La protezione dell’arte può concretizzarsi sia mettendo fisicamente in sicurezza i beni che provvedendo a realizzare delle repliche realistiche con mezzi digitali per preservare la conoscenza delle opere d’arte e ampliare le possibilità di raggiungere ulteriori fasce di pubblico.

Questo importante obiettivo sta acquisendo sempre più consistenza nei piani programmatici delle pubbliche amministrazioni: La Toscana è stata la prima regione italiana a specializzarsi in interventi mirati per la messa in sicurezza e la salvaguardia di opere d’arte e beni culturali per scongiurare i danni provocati da alluvioni, terremoti o altri tipi di emergenze.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La salvaguardia del patrimonio culturale può essere pratica da enti religiosi in possesso di patrimoni storici artistici, da enti privati quali musei, fondazioni bancarie, collezioni private per assicurare i beni di pregio da eventualità di danni e dall’inesorabile effetto del tempo.

Esistono innumerevoli beni artistici che non possono essere esposti al pubblico a causa di caratteristiche fisiche (es. luoghi inagibili), di carenza di personale, e in questo modo i relativi enti proprietari perdono possibilità di trarne un indotto economico nonché di portare le proprie opere a conoscenza del pubblico interesato.

La salvaguardia artistica permette non solo di preservare ma anche di esaltare la bellezza pregiata dei materiali artistici a un livello estremamente minuzioso.

Con il progetto GIS Archimede Arte ha progettato e realizzato la digitalizzazione in un modello 3D delle aree dei Musei Vaticani (il Museo Gregoriano Etrusco, il Museo Chiaramonti, il Braccio Nuovo, il Museo Pio Clementino, le Stanze di Raffaello, la Cappella Nicolina, la Torre dei Borgia, il Cortile della Pigna, la Scala del Bramante e l’intero corpo di fabbrica della Cappella Sistina).

Gli strumenti laser scanner e le altre tecnologie altamente professionali – tra le quali le teste panoramiche e le fotocamere HD utilizzate per rilevare gli immobili con una precisione maggiore del millimetro pixel e i software di elaborazione grafica, hanno permesso rappresentazioni tridimensionali estremamente vivide e minuziose nella qualità del dettaglio, facilmente esportabili e utilizzabili su piattaforme gestionali.

Le piattaforme digitali per la tutela e la prevenzione del patrimonio artistico permettono di creare delle copie minuziosamente fedeli agli originali dalle calamità naturali e climatiche al sicuro da calamità, rischi e vulnerabilità, la cui esigenza ci è stata insegnata da fatti tragici come l’incendio di Notre-Dame.

Archimede Arte mette a disposizione i suoi servizi di conservazione artistica tramite scansione digitale per gli enti interessati a preservare il proprio patrimonio storico e artistico.

I servizi di salvaguardia artistica permettono di creare nuvole di punti digitali utilizzabili per diversi fini come:

  • La condivisione delle informazioni sullo stato di salute delle opere d’arte, sulla conservazione dei loro elementi, per individuare le cause alla base di specifici cambiamenti
  • La pianificazione di interventi di restauro con ampio margine di tempo in modo da evitare più costosi interventi di ricostruzione con il progressivo deterioramento delle opere
  • Il supporto a processi decisionali rivolti a intervenire per preservare correttamente le opere d’arte
  • Il monitoraggio continuativo nel tempo delle condizioni dei beni
  • La creazione di collezioni virtuali 3D per i musei utili a promuovere e condividere il patrimonio artistico
  • La creazione di tour virtuali 3D immersivi con i quali proporre le collezioni artistiche mediante un’inedita forma

E tu che cosa ne pensi? Lasciaci un commento!

Condividi sui social network!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *