La clonazione 3D dei leoni normanni di Palazzo Reale

Riproduzioni leoni d'arte 3D

Ben ritrovati a un nuovo approfondimento di Archimede Arte!

Antichità e tecnologia devono per forza essere inconciliabili? Decisamente no.

Il 14 febbraio 2019, nel corso della cerimonia di chiusura del progetto intitolato “Avanti nella storia”, promosso dalla Fondazione Federico II, sono stati presentati al pubblico i due leoni di marmo bianco del XII secolo presenti nella Sala dei Venti, dentro la Torre Gioaria, al termine del restauro che li ha visti coinvolti, nel corso della convenzione con il Corso in Convenzione e Restauro dei Beni Culturali dell’Università di Palermo. Il leone rappresenta tra l’altro il simbolo del Palazzo Reale.Palazzo Reale Palermo - Leoni 3D

Alla cerimonia hanno partecipato il presidente dell’Arte Gianfranco Micchicché, il direttore generale della Fondazione Federico II Patrizia Monterosso e Giorgio Gori, fondatore di Artficial.
Gli esperti hanno spiegato come stanno impiegando un approccio multidisciplinare al modello di fruizione del Palazzo, dando vita a un vero e proprio viaggio temporale tra il XII secolo e oggi in un mix di storia dell’arte, simbologia medievale, tecnologia digitale.

Nel corso dell’evento sono stati presentati anche i cloni d’arte dei leoni prodotti in fibra di mais per mezzo dell’analisi del “DNA” dell’originale eseguita con una tecnologia 3D di riproduzione artistica basata sull’analisi da parte di algoritmi di intelligenze artificiale.
L’opera infatti è stata scannerizzata al laser e infine stampata su fibra dai mais, tecnologia che consente di creare delle riproduzioni d’arte tridimensionali di qualsiasi colore e misura. I leoni ripristinati resteranno esposti in Sala di Re Ruggero e saranno accessibili ai visitatori.
Probabilmente le due sculture facevano parte di una fontana, siccome sono presenti fori per la fuoriuscita dell’acqua in occasione delle fauci e della parte superiore della testa. Addirittura, potrebbero appartenere alla fontana dell’Aula Verde di epoca normanna.
All’interno di Sala dei Venti sono posti due monitor touch interattivi che consentono ai visitatori di ammirare il leone e la smaterializzazione 3D e lo introducono dentro la Sala di Re Ruggero.

L’importanza della conservazione digitale per la ricostruzione 3D delle opere d’arte

I leoni, di enorme valore artistico, erano finiti nel dimenticatoio, ma nel corso della convenzione col Corso di Restauro dell’Università di Palermo sono stati restaurati.
La conoscenza dell’eredità storica può essere garantita e perpetuata attraverso le nuove tecnologie di rilievo digitale 3D che permettono di creare delle copie realistiche delle opere di grande pregio.
Grazie a questa apprezzabile tecnologia sono stati così realizzati dei veri e propri cloni dei leoni marmorei, repliche artistiche 3D degli originali storici e culturali basati su algoritmi di intelligenza artificiale.

Riproduzioni leoni d'arte 3D
Per mezzo di queste sofisticate tecnologie sarà possibile fruire i due leoni di Palazzo Reale che erano finiti nel dimenticatoio. Ogni opera d’arte ha una struttura peculiare, un vero e proprio codice genetico che la contraddistingue di un dato momento storico.

Grazie alle tecnologie di scansione digitale 3D di opere d’arte i Leoni sono stati in pratica “smaterializzati” e portati avanti nel tempo per coinvolgere il visitatore di Palazzo Reale a un livello del tutto nuovo.
I leoni sono in pratica il nesso tra la storia medievale e la tecnologia moderna, grazie a quest’ultima possiamo trasportare ai tempi nostri le bellezze artistiche di centinaia di anni or sono in tutta la loro bellezza, senza incidere fisicamente sui capolavori. Una tecnologia sofisticata che consente di viaggiare indietro nel tempo per riscoprire l’eredità culturale del Palazzo. Storia e innovazione tecnologica si mescolano per il fine della riproduzione e della promozione artistica.

Le repliche d’arte 3D sono leggere, trasportabili e calate nella contemporaneità, ci permettono di fare nostri il significato storico, culturale e artistico che le opere originali veicolano.
Scopri come Archimede Arte ti aiuta a salvare dall’oblio preziose opere d’arte per mezzo della propria tecnologia di ricostruzione digitale 3D ad alta definizione.

Condividi sui social network!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *