Il geosito di Sant’Otiero in 3D e i tour virtuali 3D per la promozione del territorio

Tour virtuali 3D percorsi naturali

L’innovazione al servizio della bellezza del territorio,
Per calamitare l’attenzione dei visitatori sulle bellezze del territorio da promuovere, gli enti locali dovrebbero ricorrere alle innovazioni tecnologiche e ovviamente alla genuina capacità di stupire con il fascino della natura stessa a loro disposizione.
Nel caso di territori dalla natura incontaminata che fanno la ricchezza di tante aree del nostro Paese, occorre sapere preservare il patrimonio geologico e al contempo trasformarlo in una attrazione viva e pulsante. Anche le nude rocce possono tradursi in attrattive avvincenti per il pubblico se valorizzate attraverso nuove modalità tecnologiche innovative e versatili, come i tour virtuali 3D al servizio della promozione del territorio.

Il cammino virtuale in 3D al geosito di Sant’Otiero

Il cammino virtuale al geosito di Sant’Otiero è una nuova modalità di fruizione dell’ambiente attraverso visori 3D messa a disposizione del Museo Civico Collisani, fornita dall’Ente Parco delle Madonie e dal Club Rotary Palermo Parco delle Madonie. Questa nuova tecnologia immersiva è stata esposta al pubblico e ai giovani alunni della V elementare dell’Istituto comprensivo di Petralia Sottana in visita al Museo Collisani.
Il progetto vede la raccolta di accattivanti immagini assieme a testo esplicativo e fruite per mezzo di un visore 3D. Esse hanno portato alla composizione di un vero e proprio racconto virtuale che conduce lo spettatore lungo i sentieri naturali del geosito.

La realizzazione del percorso naturale 3D è avvenuta attraverso i visori forniti dall’Ente Parco delle Madonie e dal Club Rotary Palermo Parco delle Madonie. Il tour virtuale naturale consente non soltanto di vedere, ma proprio di “sentire” il paesaggio e l’ambiente grazie ai visori tridimensionali.
La successione delle immagini virtuali 3D dirige l’utente alla scoperta delle caratteristiche di paesaggio e ambiente, di comprendere la ricchezza del geosito in qualità di ricchezza non rinnovabile e pertanto da custodire.

Il punto di fruizione è collocato nella sezione Geologica G.Torre. Il progetto è stato seguito dai geologi Fabio e Alessandro Torre oltre che dal tecnico informatico Antonino Gaudesi della DELISA.
Grazie a questo connubio di innovazione, cultura e bellezza naturale il pubblico potrà esplorare le meraviglie geoterritoriali senza muoversi dallo spazio museale.
Una funzione di valorizzazione delle risorse culturali geologiche molto apprezzabile, stando alle dichiarazioni del presidente regionale dei Geologi di Sicilia Mario Leta, in quanto permette di coniugare conoscenza e divulgazione del sapere per superare i limiti dell’ambiente e giungere a contatto con la fantasia umana e sostenere l’incanto e la voglia di scoprire.

Questa modalità di riproduzione 3D dei territori verrà applicata dalla commissione regionale dell’ordine dei geologi sulle Madonie e dell’Ente parco delle Madonie per promuovere azioni di prevenzione sui rischi naturali, per attività di divulgazione scientifica in ambito geologico di considerevole importanza. Questa applicazione tecnologica è stata finanziata dall’ente Parco delle Madonie e realizzata dalla società Delisa e dall’associazione Haliotis.

Tour virtuali 3D percorsi naturali

I tour virtuali 3D come modalità di promozione del territorio

Il patrimonio geologico del territorio è un importante asset per la promozione turistica delle regioni, da valorizzare e potenziare per sostenere tutto il comparto economico a esso collegato. Le risorse scientifiche, paesaggistiche, culturali possono essere quindi riproposte in una forma originale e non comune atta a catturare l’interesse per promuovere il territorio a cui appartengono.
Anche la natura morta può esprimere un fascino vivo se inquadrata nel complesso dell’ambiente al quale appartiene, e a questo scopo occorre poter trasformare in modelli tridimensionali omnicomprensivi la “fascia” di natura che si vuole valorizzare, per coglierne tutti i legami tra gli elementi del territorio.
La geologia raccolta il nostro passato e pertanto ogni elemento geologico deve essere conservato per supportare gli studi scientifici sul contenuto paesaggistico e le architetture naturali.

Le tecnologie dei rilievi 3D consentono di realizzare delle nuvole di punti che catturano ogni dettaglio anche di territori complessi, ad altissima definizione, per memorizzare ogni caratteristica delle aree in un dato momento storico. In questo modo si possono creare degli archivi digitali utili a finalità di conservazione e per interventi sul territorio rispettosi delle loro caratteristiche.

Condividi sui social network!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *