Il restauro dell’Arco dell’Arcadia dei Giardini del Frontone di Perugia

Ricostruzione Arco dell'Arcadia Giardini Frontone Perugia

Ben ritrovati a un nuovo approfondimento di Archimede Arte sul mondo artistico.

Finalmente la cittadina di Perugia può tornare ad abbracciare l’Arco dell’Arcadia al termine di otto mesi di lavori ai Giardini del Frontone, il primo giardino storico pubblico di Perugia.
Alla cerimonia di inaugurazione del 21 maggio e di celebrazione di fine lavori hanno partecipato il sindaco Andrea Romizi, il vicesindaco Urbano Barelli,  l’Assessore alla cultura Teresa Severini, la presidente del FAI Umbria Nives Maria Tei Coaccioli.

Il restauro dell’arco dell’Arcadia dei Giardini del Frontone di Perugia

I Giardini del Frontone si trovano nel quartiere Borgo XX Giugno davanti all’Abbazia di San Pietro: si tratta di una piazza risalente almeno al 1275 utilizzata alternativamente per scopi di addestramento bellico e ludico.
Il giardino del Frontone prende il nome dalla fronte dell’Arco di trionfo, che costeggia l’anfiteatro, realizzato dall’architetto Vincenzo Ciofi. Il parco è accessibile attraverso i viali in ghiaietto, ed è spazio di incontro per famiglie e passanti che vogliono riposarsi in compagnia.

L’arco dell’Arcadia è un monumento in travertino sul quale è collocato un grifo posto nel 1791 da Baldassarre Orsini per ricevere la statua di Apollo (protettore dell’Accademia dell’Arcadia) e il piccolo anfiteatro adiacente.

Questa importante opera di restauro artistico è stata resa possibile grazie al contributo fornito nell’ambito del progetto “I luoghi del Cuore” promosso da Intesa San Paolo e FAI con un contributo di Comune di Perugia. Nel corso del censimento del 2016 i Giardini del Frontone avevano ricevuto 10.545 voti, grazie all’opera di sensibilizzazione promossa dalla Delegazione FAI di Perugia, mossa da un Comitato guidato dalle Associazioni del Centro Storico di Perugia.

Il comune di Perugia (proprietario del parco) ha potuto quindi partecipare al bando Fai del 2018 con il proprio progetto per il restauro dell’Arcadia collocato nei Giardini del Frontone. Tale progetto si è aggiudicato il contributo di 20.000 euro del bando FAI al quale si somma il cofinanziamento del Comune di Perugia per un totale di 37.500 euro.

Ricostruzione Arco dell'Arcadia Giardini Frontone Perugia
Foto di pubblico dominio: https://it.wikipedia.org/wiki/File:Giardini_del_Frontone_Perugia.jpg

Il restauro dell’Arco del Fronte di Perugia – In che cosa consiste?

Stando a quanto riferisce il FAI, l’intervento è volto sull’aumentare la solidità dell’arco e del gradoni e sul migliorare l’estetica delle superfici avvicinandola agli standard originari. Le fasi più recenti hanno visto il ricollocamento sulla sommità dell’arco della Grifea, dei due puntali a forma di piramide e delle sfere.
Il lavoro è stato svolto dal restauratore Andrea Gobbi su incarico della società Ikuvium che ha seguito il recupero del resto del giardino, oltre alla pulitura delle statue legate al Monumento della Vittoria di piazza d’Armi.

Gli interventi di restauro dell’Arco dell’Arcadia hanno compreso:

  • Un intervento preliminare rivolto alla rimozione degli ammassi superficiali
  • Un’attività di pulitura e di trattamento del pavimento in travertino e di quello in mattoni, che ha compreso anche la stuccatura e il recupero cromatico dei materiali
  • Un trattamento impermeabilizzante con solventi per ridurre l’azione dell’ossidazione

Archimede Arte è lieta di apprendere di questo intervento di recupero artistico che ha permesso di ripristinare gli elementi estetici di rilievo (il grifo, le piramidi, le sfere) alla loro bellezza originale, grazie a sofisticate tecniche destinate a pulire e valorizzare i materiali originali, sia calcarei che di metallo. Alla pulizia in terra e in laboratorio è seguito il trattamento per la pulitura delle decorazioni dalle componenti organiche e inorganiche, la fase di ricolorazione per donare una tinta uniforme.

Condividi sui social network!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *